Ettore Scola Felice Laudadio

Carmelo Bene. La voce che si spense

di Ariella Beddini, 2003, 88’

Con testimonianze storiche e contemporanee di amici, artisti, attori e studiosi, tra cui Lydia Mancinelli, Goffredo Fofi, Carla Tatò, Emanuela Kustermann, Enrico Ghezzi, John Francis Lane, Sonia Bergamasco, Elisabetta Sgarbi, Franco Quadri, Piera Degli Esposti, Dario Fo, Jean-Paul Manganaro… Rivediamo così Bene, durante i vari momenti della sua vita artistica: in qualche sequenza a Mixer Cultura a disputare sulla scrittura di scena, da Corrado a presentare il suo S.A.D.E., nel Teatro Carmelo Bene a recitare il Don Chisciotte e ad attaccare i critici, oppure, intervistato dal suo amico Piero Panza, a delineare e ad apprezzare la figura di Buster Keaton e “cestinare” quella di Charlie Chaplin, a discutere animatamente al Processo del Lunedì di Aldo Biscardi, a recitare sulla scena in frac il manifesto futurista di Marinetti, e poi ancora in uno stanzino a provare con le attrici le parti del Caligola, il tutto in un mélange di situazioni spazio-temporali diverse, inframmezzato da testimonianze amicali e critiche, e da estratti delle sue opere, perlopiù televisive, come Quattro diversi modi di morire in versi, Amleto, Hommelette for Hamlet, Lectura Dantis, Macbeth Horror Suite, Pentesilea, Riccardo III, Salomè, Nostra Signora dei Turchi, Otello, Lorenzaccio, Quattro momenti su tutto il nulla, dove il geniale artista impartisce in modo magistrale lezioni sul linguaggio, coscienza-conoscenza, eros e arte. 

 In programmazione
31/03 ore 11.30  Galleria 5
ingresso libero 

Related Entries
© 2012 Bif&st - Tutti i diritti riservati - Credit: L'Arancia