Ettore Scola Felice Laudadio

Le premier homme

di Gianni Amelio con. Jacques Gamblin, Maya Sansa, Catherine Sola, Denis Podalydès, Ulla Baugué, Nicolas Giraud, Nino JougletFrancia/Italia/Algeria 2011, 98′, v.o.fr., it.sub.

Produzione Cattleya-Soudaine Compagnie-RAI Cinema
Sceneggiatura Gianni Amelio
Musiche Franco Piersanti
Fotografia Luca Bigazzi
Scenografia Arnaud de Moleron

 

 

Tra i rottami dell’auto sulla quale Albert Camus trovò la morte il 4 gennaio del 1960, fu
rinvenuto un manoscritto con correzioni, varianti e cancellature: la stesura originaria e incompiuta de Il primo uomo, sulla quale la figlia Catherine, dopo un meticoloso lavoro
filologico, ricostruì il testo pubblicato nel 1994. È una narrazione forte, commovente e

autobiografica, che molto ci dice del suo autore, della sua formazione e del suo pensiero.
Attraverso le impressioni e le emozioni del protagonista che, nel desiderio di ritrovare il
ricordo del padre morto nella prima guerra mondiale, torna in Algeria per incontrare chi
l’aveva conosciuto, Camus ripercorre parte della propria vita: l’infanzia povera, le amicizie,
le tradizioni, i sogni vissuti in “un anonimato dove non esiste né passato né avvenire”, dai
quali emerge la figura di un uomo ideale, quel “primo uomo” che forse potrebbe essere in
ciascuno di noi.

Ho accettato una sfida – dice Gianni Amelio – senza mai pensare a un confronto, che sarebbe stato impossibile. So che il regista deve considerare il libro a cui si ispira uno stimolo e non un tema da illustrare, ma questa volta era diverso. Il primo uomo non è un romanzo di finzione ma un’opera autobiografica: non si trattava quindi di fedeltà a un testo letterario (questione opinabile) ma del rispetto per la vita di una persona. Inoltre non ho mai considerato Il primo uomo un libro “incompiuto” ma l’espressione piena e coerente del pensiero di Camus, in linea con le sue opere più alte. E solo una lettura superficiale potrebbe immaginarlo come un racconto nostalgico rivolto al passato. Penso invece che Il primo uomo sia un libro politico nel senso più ampio del termine, cioè urgente e profondo, un libro “necessario” nel momento in cui è stato scritto, e non solo. Il primo uomo è l’intervento potente di un grande scrittore sulla tragedia del proprio Paese e del proprio tempo, la confessione che sgombra il campo da ogni sospetto di reticenza e di ambiguità rispetto alla guerra di liberazione algerina, di cui Camus ha faticato a liberarsi.

Ma nessuna autobiografia può appassionarci se non tocca in parte anche la nostra vita. Nell’infanzia di Camus ad Algeri ho ritrovato le tracce della mia Calabria nel secondo dopoguerra. A suo padre così ostinatamente cercato si è sovrapposta l’immagine di mio padre lontano e sconosciuto. La nonna e la madre sono diventate le stesse presenze quotidiane di quando ero bambino. E così la sua scuola è diventata la mia scuola, il suo maestro il mio maestro. Non capita spesso a un regista di avere in dono una storia così alta da raccontare. Io ho voluto che diventasse anche la mia storia non per presunzione ma per umiltà. Ho fatto questo film per un atto d’amore.
Premio della critica internazionale al Festival di Toronto

pressbook  


In programmazione
30/03 ore 21.00 Teatro Petruzzelli
ingresso € 10,00

Related Entries
© 2012 Bif&st - Tutti i diritti riservati - Credit: L'Arancia