Ettore Scola Felice Laudadio

Nino Rota, il mago doppio

Cinema sul cinema
di Felice Cappa con Nino Rota, Marina Rota. Italia 2011, 91’.

Produzione Rai Studio Nino
Sceneggiatura Felice Cappa

Un film documentario dedicato a Nino Rota, nel centesimo anniversario della sua nascita, per ripercorrere arte e vita di uno dei più grandi artisti italiani del Novecento. La sua incredibile creatività musicale alterna brani di straordinaria popolarità – quelli della lunghissima e felicissima attività per il cinema e la televisione – a composizioni di musica colta e d’opera rappresentate nelle più famose e importanti stagioni di classica e lirica. Ha collaborato con molti grandi del Novecento, da Fellini a Bejart, da Muti a Visconti, da Miloss a Coppola. Il suo genio è stato premiato con Oscar e Nastri d’argento e ha una fama ormai universale che dall’Italia a raggiunto Europa e Stati Uniti per non parlare del Giappone dove è un autore di culto.

Ma qual è il suo segreto? Talento precocissimo, figlio e nipote d’arte, sostenuto da Toscanini, si è nutrito e ha vissuto di musica. Per molti dei suoi compagni d’avventura viveva in una dimensione altra, rappresentava lo spirito stesso della musica quasi come se ne fosse posseduto. Nel film documentario si parte proprio da questo e si racconta di come il modo in cui viene descritta l’arte e la vita di Rota non fosse solo una metafora, ma una vera e propria esperienza quotidiana. Il candore, l’astrazione permettevano a Rota di vivere contemporaneamente dentro il suo tempo e in uno spazio-tempo assoluto, un mondo parallelo. E non si trattava solo di sensibilità, di indole, di carattere, ma questo mondo parallelo per Rota era oggetto di studio e passione. Tant’è che dopo la sua morte, l’amico fraterno Vinci Verginelli, donò alla Biblioteca dell’Accademia dei Lincei una preziosissima raccolta di libri ermetici antichi che aveva cercato, collezionato e approfondito assieme a Rota per tutta una vita e che testimonia una cultura esoterica raffinatissima. Il film documentario, alla luce di questo, cerca di rintracciare i fili sottili che legano la musica di Rota a questi suoi profondi interessi culturali. Vengono ripercorsi i luoghi di Rota, dalla formazione milanese alla vita romana a quella di direttore del conservatorio di Bari, dove ha vissuto trent’anni eleggendola come sua città d’adozione. Alle riprese si alternano materiali di repertorio che attingono alle Teche della Rai e al Fondo Rota conservato presso la Fondazione Cini con partiture, lettere, diari, foto, disegni e interviste audio, tutti materiali rari o inediti.


In programmazione
28/03 ore 20.00 Galleria 3
ingresso libero 

Related Entries
© 2012 Bif&st - Tutti i diritti riservati - Credit: L'Arancia