Ettore Scola Felice Laudadio

Toxic Europe/Cuba, un’arte anche italiana

di Cecilia Anesi, Giulio Rubino, Delphine Reuter con Alessandro Scricciolo, Alessandro Possieri, Simone Muzi, Riccardo Testa, Daniele Della Ciana, Marco Giuliacci, Giorgio Bronco. Italia/Belgio/Romania 2011, 28’

Toxic Europe (“Europa tossica”), è un documentario prodotto da FLARE Network, Novaya Gazeta, Associazione Ilaria Alpi, Associazione di Giornalismo Investigativo e Daily Blog che ha vinto il Premio Best International Organised Crime Report 2011 al Festival Ilaria Alpi. I tre autori, Cecilia Anesi, Giulio Rubino e Delphine Reuter, investigano il traffico di rifiuti in Europa. Partendo dai trafficanti (appartenenti a Camorra, ‘Ndrangheta e Cosa Nostra) che fanno “sparire” a basso costo i rifiuti, Toxic Europe ricostruisce la rete del traffico di rifiuti passando per i broker e arrivando alle aziende coinvolte. L’inchiesta disegna il network che esiste tra Italia, Lussemburgo e Romania, mettendo in luce le connessioni internazionali tra aziende ed imprenditori che, operando in una zona grigia, stanno sempre più crescendo d’importanza nel settore della gestione rifiuti in Romania. Le riprese, il montaggio e le musiche sono di Gianmarco Giometti.

pressbook

A seguire

Cuba, un’arte anche italiana

di Silvana Palumbieri con Christian Iansante. Italia 2011, 42’.
Produzione Rai Teche

A Cuba cinque secoli di architetti e artisti italiani. Hanno costruito imponenti fortezze, affrescato cattedrali, decorato e impiantato teatri, dato volti di marmo e bronzo agli eroi delle guerre d’indipendenza, ricoperto di marmi e fregi maestosi palazzi, impiantato quartieri dell’Avana che portano il loro nome.


In programmazione
28/03 ore 19.00 Galleria 4 
ingresso € 1,00  

Related Entries
© 2012 Bif&st - Tutti i diritti riservati - Credit: L'Arancia